Risorsa1logocontroventogiusto
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Risorsa1logocontroventogiusto
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

#SosBenesserePsicologico - Suicida a undici anni. Il suicidio fra Blue Whale e Jonathan Galindo

2020-10-05 12:19

SOSBenesserePsicologico

#SosBenesserePsicologico - Suicida a undici anni. Il suicidio fra Blue Whale e Jonathan Galindo

Settembre 2020: «Mamma, papà vi amo. Ora devo seguire l’uomo col cappuccio nero. Non ho più tempo. Perdonatemi». Bambino di Napoli apre la finestra.........

maxresdefault-1601889444.jpg

Settembre 2020: «Mamma, papà vi amo. Ora devo seguire l’uomo col cappuccio nero. Non ho più tempo. Perdonatemi». Bambino di Napoli apre la finestra del proprio balcone all’undicesimo piano e si lancia nel vuoto. È morto così, a undici anni, un preadolescente nel napoletano.

È di pochi giorni fa la notizia che avete appena letto. 
Ma cosa è davvero successo, si domandano milioni di Italiani? Probabilmente a questa domanda potranno rispondere fra qualche giorno o mese gli inquirenti della Procura di Napoli.
Nei giornali appare il nome di Jonathan Galindo, associato ad un ben più noto il gioco “Blue Whale”. Jonathan Galindo e la Blue Whale hanno molte caratteristiche simili, in primis sono challenge o sfide che dovrebbero portare il giocatore a commettere atti autolesionistici o suicidali. Altra e più importante caratteristica è che entrambe le challenge sono leggende, si proprio leggende.
La Blue Whale, gioco che ha terrorizzato italiani e popolazione mondiale nel 2017, non era altro che una bufala o fake news derivata da una leggenda in Russia. Scopo di questa challenge doveva essere superare una serie di sfide che avrebbero portato il giocatore infine a suicidarsi.
Jonathan Galindo, famoso per il suicidio nel napoletano, è stato accusato di aver portato un undicenne a suicidarsi, ma è davvero così? In tempi non sospetti Massimo Polidoro del Cicap (Il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) che in un video pubblicato a luglio su youtube parlava già di questa challenge come una fake news. Jonathan Galindo, probabilmente, non è altro che un creepypasta, racconto dell’orrore, diventato virale grazie alla rete. 
Ovviamente, sapere che quelle due challenge, erano e sono bufale, ci rincuora e riscalda il cuore. Ma non è sufficiente, infatti seppur leggende o bufale, queste possono ugualmente condizionare la psiche di bambini e adolescenti.

10thdraw-1601889516.jpg

Il suicidio, seppur mediaticamente non rilevante, è una delle cause di morte più rilevanti, secondo l’OMS: “Ogni anno, nel mondo si suicidano quasi 800mila persone – quasi il doppio delle vittime di malaria o omicidi. Tra i giovani dai 15 ai 29 anni, il suicidio resta la seconda principale causa di morte dopo gli incidenti stradali” . 
Secondo l’OMS, quindi, riguardo la fascia adolescenziale e dei giovani adulti il suicidio è la seconda causa più probabile di morte. Causa che bisogna attenzionare, poiché se non trattata può provocare un aumento delle morti. Grazie alla ricerca dell’OMS, e molte altre, possiamo capire quanto il fenomeno del suicidio possa colpire anche i nostri figli, soprattutto quei bambini e ragazzi che sono al contatto con condizioni economiche svantaggiose o non “accompagnati” durante l’utilizzo di strumenti tecnologici. E allora come difendere i nostri figli? In primis con un costante, ma non intrusivo, controllo. Osserviamo nostro figlio, i suoi comportamenti, i segni che potrebbero comparire sulle braccia o avanbracci. Si, parliamo di segni inflitti con lamette o attrezzi affilati. Se doveste vedere questi segni o atteggiamenti fuori dall’ordinario, non reagite aggressivamente, parlate empaticamente con vostro figlio, cercate di capire le cause che portano a quei gesti. Spesso i segnali di un prominente suicidio non sono nascosti, ma chi ha già iniziato ad avere idee suicidarie, probabilmente chiederà aiuto, servirà solamente ascoltare il ragazzo o il bambino attentamente.  
Quello che consigliamo noi, equipe di #sosbenesserepsicologico, è di chiedere un consulto ad uno specialista, il nostro aiuto potrebbe essere sì alle volte “superfluo”, ma tante altre necessario.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder